i frutti dell'orto i frutti dell'orto marcofaina

Il progetto Coltivare RappOrti nasce nel 2013 dall’incontro

fra le associazioni Terra! Onlus e Ciampacavallo Onlus con l'obiettivo di creare una sinergia fra il mondo agricolo e ambientalista e quello attivo nel supporto alla diversità fisica, mentale e sociale. Il progetto si muove intorno alla realizzazione di un orto sociale con il recupero di alcune aree verdi inutilizzate all’interno degli spazi del centro Ippico Ciampacavallo in via Appia Pignatelli 208 a Roma. Fin dall’inizio la partecipazione attiva della cittadinanza è stata un punto centrale (circa 70 ortisti vi prendono parte). Il progetto è caratterizzato da un dinamismo che più volte lo ha portato ad auto rinnovarsi e trasformarsi, espandendosi e favorendo la partecipazione di un numero maggiore di persone e/o associazioni.

Le attività portate avanti nel corso degli anni sono state molteplici: - grazie al lavoro collettivo degli ortisti sono state a più riprese apportate opere di miglioria degli spazi comuni adiacenti agli orti. Sono state realizzati gazebi, arredi, capanni per il ricovero degli attrezzi, orti sinergici, un forno in terra cruda e un impianto elettrico per illuminare l'area comune al calar del sole e poter così sfruttare più a lungo gli spazi, a beneficio di tutti. - sulla base delle esperienze maturate nel corso degli anni si sono ridistribuiti gli spazi in maniera più razionale, più coerente con le esigenze dei singoli o gruppi di ortisti relativamente al tempo che necessitava il proprio lotto per essere coltivato. Sullo stesso sviluppo di terreno in cui vi erano all’inizio 16 orti ne sono stati ricavati 21. Sempre quindi nuovi cittadini e entità associative hanno avuto la possibilità di condividere l’esperienza dell’orto comunitario.

Diverse giornate aperte agli esterni hanno favorito la divulgazione del progetto stesso. Sono state inoltre realizzate giornate formativa di introduzione al mondo delle api con agronomi apicoltori - sono stati realizzati corsi interni di formazione agricola attraverso il progetto “Oltre l’Orto”, realizzato con il sostegno dell’8x1000 della “Tavola Valdese”, grazie ai quali si è potuto realizzare un intero percorso di formazione che aveva l’obiettivo di porre l’orto al centro dell’esperienza degli ortisti, consentendo loro di migliorare le proprie competenze orticole, condividere le esperienze, affrontare insieme le criticità, approcciarsi in modo più strutturato alla coltivazione e poter diffondere il sapere comune. - è stato realizzato un nuovo forno in terra cruda con annesso barbecue in muratura.

Nell'ambito del progetto l'associazione Orti e Mestieri in particolare garantisce lo svolgimento delle attività di assegnazione degli orti, di formazione e tutoraggio degli ortisti, cura e gestione del gruppo orto (mediazione e ascolto) e manutenzione ordinaria del posto e sviluppa, in collaborazione con Ciampacavallo, la dimensione di impegno e intervento sociale del progetto. Il criterio metodologico fondativo della nostra azione è la consapevolezza del ruolo multifunzionale dell’agricoltura e in particolare dei benefici per la salute umana psichica e fisica direttamente derivanti dal curare e vedere crescere le piante. Questa consapevolezza trova radici nella cultura contadina e nella coscienza del valore sociale e del significato profondo del coltivare la terra, considerata non solo produttrice di beni primari, ma anche generatrice di benessere individuale e collettivo e di inclusione e coesione sociale.

142
Altro in questa categoria: